Regolamento

Versione: 00
Data 06/10/2015

1. CAMPO DI APPLICAZIONE

Il documento illustra i requisiti aggiuntivi relativi alla certificazione di prodotto, rilasciata dalla EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA, ai fini della conformità al disciplinare EF0 rev. 4.

Esso risulta applicabile da qualsiasi organizzazione operante in ambito BtoC, nonchè applicabile a servizi quali ad esempio ristorazione collettiva, ospitalità alberghiera, ecc.; è un disciplinare che consente al Cliente di determinare la storia o la provenienza di un prodotto o dei suoi rilevanti componenti ai fini del consumo degli stessi nel rispetto dell'etica di Casa Savoia.

Bureau Veritas Italia Spa svolge, nell'ambito della suddetta attività di certificazione, il ruolo di affiancamento ispettivo alla EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA che è deputata ed emettere il certificato.

Torna su

 

2. RIFERIMENTI

UNI EN ISO 9000:2005 Sistemi di gestione per la qualità – Fondamenti e vocabolario.
UNI EN ISO 9001:2008 Sistemi di gestione per la qualità – Requisiti
UNI EN ISO 19011:2003 Linee guida per gli Audit dei sistemi di gestione per la qualità e/o di gestione ambientale
Disciplinare EF0 Rev. 4

Torna su

 

3. TERMINOLOGIA PRODUZIONE PRIMARIA

Tutte le fasi della produzione, dell'allevamento o della coltivazione dei prodotti primari, compresi il raccolto, la mungitura e la produzione zootecnica precedente la macellazione e comprese la caccia e la pesca e la raccolta di prodotti selvatici (art. 3 del Reg. CE 178/2002).

PROFONDITÀ: Insieme delle fasi di produzione, trasformazione, commercializzazione, ecc., coperte dal sistema in modo continuativo.

ESTENSIONE: Insieme dei componenti il prodotto coperto dal sistema in modo continuativo.

ELEMENTI: Attività/informazioni che il sistema si prefigge di realizzare/ottenere a supporto degli obiettivi.

UNITÀ MINIMA RINTRACCIABILE (UMR): Quantità minima omogenea, espressa in peso o volume, per la quale esiste la necessità di recuperare informazioni predefinite e che può essere prezzata, ordinata o fatturata ed è oggetto della verifica della conformità all'interno del sistema di rintracciabilità.

OBIETTIVI: Risultati/informazioni, inerenti l'UMR, che il richiedente la certificazione si prefigge di ottenere/divulgare applicando il sistema d rintracciabilità.

COMITATO DI CERTIFICAZIONE ECCELLENZA CASA SAVOIA (COMITATO): Organo di delibera delle decisioni inerenti il processo di Certificazione ECCELLENZA DI CASA SAVOIA

AZIENDA AGROALIMENTARE: Ogni soggetto pubblico o privato, con o senza fini di lucro, che esercita una o più delle seguenti attività: la produzione, la preparazione, la trasformazione, la fabbricazione, il confezionamento, il deposito, il trasporto, la distribuzione, la manipolazione, la vendita o la fornitura, compresa la somministrazione, di prodotti alimentari,

IGIENE DEI PRODOTTI ALIMENTARI: Tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza e la salubrità igienica dei prodotti alimentari. Tali misure interessano tutte le fasi dalla produzione primaria alla preparazione,  la trasformazione, la fabbricazione, il confezionamento, il deposito, il trasporto, la distribuzione, la manipolazione, la vendita o la fornitura, compresa la somministrazione, al consumatore.

METODO HACCP: Metodo scientifico e sistematico per garantire la sicurezza dei prodotti alimentari, dalla produzione primaria al consumo finale attraverso l'individuazione, la valutazione e il controllo dei pericoli significativi.

PRODOTTI ALIMENTARI: Insieme di contenuto, contenitore e servizio.

CONTAMINAZIONE CROCIATA: è il passaggio diretto o indiretto di microbi patogeni da alimenti contaminati, di solito crudi, ad altri alimenti.

Torna su

 

4. CONDIZIONI DI CERTIFICAZIONE

Un prodotto di “Eccellenza di Casa Savoia” certificato deve garantire il rispetto di requisiti che devono essere in grado di:

  • documentare attraverso un apposito dossier la composizione del costo di produzione del singolo prodotto
  • garantire requisiti di trasparenza e sicurezza nel rispetto della cogenza
  • requisiti aggiuntivi di cui, per almeno uno, deve essere dimostrata la conformità
  • migliorare l'uso e affidabilità delle informazioni, l'efficacia e produttività dell'organizzazione.

Torna su

 

4.1. DEFINIZIONE DEL CAMPO DI APPLICAZIONE DEL CERTIFICATO

Il campo di applicazione dev precisare:

  • Il processo in cui il prodotto sottoposto a certificazione è coinvolto
  • I prodotti coinvolti e loro identificazione
  • Eventuali elementi del sistema
  • Le caratteristiche di rintracciabilità ed origine del  prodotto per ogni tipologia di prodotto incluso nella certificazione

Torna su

 

4.2. REQUISITI GENERALI

Con riferimento alla legislazione applicabile, l'organizzazione richiedente la certificazione deve avere la capacità di identificare e tenere sotto controllo i seguenti parametri critici, per ogni fase della filiera coinvolta, dandone opportuna evidenza :

i punti critici di controllo (relativamente alle sostanze utilizzate e alle tecnologie impiegate);
l'applicazione delle Buone Prassi di Produzione;

L'azienda deve sempre specificare la rintracciabilità di base lungo tutta la filiera.

Torna su

 

4.3. ESCLUSIONI

Non sono consentite esclusioni di fasi della filiera svolte direttamente dalla organizzazione richiedente la certificazione.

Torna su

 

5. GESTIONE DEL PROCESSO

Per dimostrare la conformità al presente regolamento ed ai documenti normativi in esso richiamati il Cliente deve pianificare, attuare e controllare i processi/fasi di lavoro inerenti tutte le organizzazioni coinvolte.

La pianificazione delle attività, le risorse e le responsabilità inerenti i suddetti processi ed i relativi obiettivi devono essere riassunti in uno o più documenti tali da soddisfare i requisiti del disciplinare EF0 rev. 3 e del presente regolamento.

Deve esistere una chiara descrizione delle fasi della filiera coinvolte. Devono essere riepilogati con uno o più diagrammi/tabelle o descrizioni similari i processi (intesi come sequenza di fasi), gli enti e le organizzazioni coinvolte nel sistema.

Deve essere presente specifica procedura documentata (o altra forma equivalente) che definisca le metodiche di identificazione per le differenti fasi di processo.

 

CONTROLLI E COLLAUDI

Per ogni processo devono essere riepilogati i controlli ed i collaudi previsti dall'azienda per tenere sotto controllo la rintracciabilità. Deve essere definito un piano di controllo allo scopo di assicurare il corretto funzionamento del sistema di rintracciabilità da parte di ogni organizzazione coinvolta. Tale piano deve comprendere l'identificazione dei punti rilevanti, le attività di prevenzione e di monitoraggio per ciascun punto e le corrispondenti modalità di registrazione. È opportuno anche disporre di un sistema di verifica dell'efficacia ed efficienza del piano di controllo messo in atto.

 

REGISTRAZIONI

Devono essere riepilogati tutti i documenti operativi e di registrazione. Devono essere documentate tutte le informazioni scritte o registrate che documentino le attività e i flussi del processo produttivo e gli esiti dei controlli e delle verifiche effettuati. Tali informazioni devono essere aggiornate, archiviate, conservate e rese reperibili.

 

NON CONFORMITA', OSSERVAZIONI E COMMENTI

Non conformità: laddove risultino non soddisfatti i criteri definiti dal Comitato e/o dal disciplinare di riferimento, l'Ispettore incaricato di BV presente in fase di audit può decidere di rilasciare una non conformità, che laddove non risulti adeguatamente chiusa con una opportuna azione correttiva, valutata da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA, non consente di inviare la pratica al comitato di delibera di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA stesso.

Laddove vengano rilevate difformità considerate minori da parte dell'ISPETTORE INCARICATO di Bureau Veritas, queste vengono segnalate con osservazioni e la pratica può essere inviata al Comitato di delibera.

I  commenti  sono  dei  suggerimenti  che  l'ispettore  intende  fornire  onde  evitare  l'incorrere  successivo  di  non conformità.

Il rapporto rilasciato ha esito positivo quando non risultano non conformità e viene inviato al comitato di delibera di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA per la successiva valutazione ed emissione del certificato.

Il comitato di delibera EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA, indipentemente da ulteriori aspetti e con insindacabile giudizio, può decidere in qualsiasi momento la sospensione (in questo caso, si richiedono specifici chiarimenti all'organizzazione certificata) o il ritiro della certificazione

 

AUDIT

Devono essere previste procedure per la conduzione di audit da parte dell'Organizzazione:

presso i fornitori critici (da effettuare direttamente o tramite ausilio di ente terzo)
presso le funzioni aziendali

Le verifiche devono essere effettuate da personale indipendente dall'attività verificata ed estesa a tutto il sistema di rintracciabilità definito. L'efficacia del sistema di rintracciabilità e la relativa documentazione deve essere verificata, quando richiesto, con il coinvolgimento delle organizzazioni interessate, ogni qualvolta si verifichino cambiamenti nelle attività o nelle caratteristiche del prodotto. Gli audit devono essere pianificati ad intervalli regolari e registrati su apposita documentazione.

Torna su

 

6. ITER DI CERTIFICAZIONE

La certificazione rilasciata all'azienda da parte della EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA ha durata triennale decorrente dalla data di delibera della certificazione iniziale.

A seguito di domanda di certificazione da parte dell'azienda, viene richiesto all'azienda la documentazione per la verifica documentale dei Pre-requisiti per la certificazione.

La documentazione richiesta è la seguente:

  1. Evidenza dell'accettazione dell'offerta (a cura di Bureau Veritas Italia Spa);
  2. Organigramma, Mansionario, Diagramma di flusso;
  3. Eventuale Piano di autocontrollo;
  4. Eventuali informazioni sui fornitori dichiarati nella domanda di certificazione.
  5. Schede tecniche dei prodotti o della famiglia di prodotti da sottoporre a certificazione
  • L' iter per la certificazione iniziale prevede una fase iniziale (Stage 1) in campo o  solo documentale a discrezione della EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA; un auidt in campo (stage 2) presso la/e unità produttiva/e.
  • L’attività di sorveglianza prevede:
    •  un audit annuale condotti in campo sull’organizzazione certificata a cadenza prestabilita effettuata presso la/e unità produttiva/e.

NOTA: Nella sua qualità di proprietario del marchio, la EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA per conto della stessa possono eseguire senza preavviso prelievi casuali sui prodotti certificati sul mercato per effettuare test.

Torna su

 

7. SOSPENSIONI E RITIRI (CERTIFICAZIONE)

Nel caso di attività di certificazione, la certificazione può essere sospesa dalla EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA al ricorrere di anche soltanto una delle seguenti condizioni: (i) Non conformità maggiori nel corso di una verifica di mantenimento, quando il gruppo di verifica proponga la sospensione immediata della certificazione.(ii) Persistenza di una non conformità già segnalata in precedenza e accertata a seguito di ulteriore verifica.(iii) Mancata attuazione da parte del Cliente delle azioni correttive richieste entro il tempo prestabilito.(iv) Sussistenza di gravi carenze inerenti il sistema di gestione del Cliente sulla base di reclami, azioni legali ed altre evidenze oggettive anche non derivanti da verifiche ispettive.(v) Rifiuto da parte del Cliente di effettuare le verifiche periodiche all’interno dei termini temporali previsti oppure rifiuto di effettuare le verifiche straordinarie che il comitato tecnico di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA ritenga necessarie per la valutazione di reclami, azioni legali ed altre evidenze oggettive di carenze emerse anche al di fuori delle verifiche ispettive.(vi) Formulazione da parte di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA di un’eccezione di inadempimento comunicata al Cliente ai sensi dell’art.1460 del CC.(vii) Uso scorretto o ingannevole della certificazione rilasciata da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA.(viii) Condotta da parte del Cliente tale da pregiudicare la reputazione commerciale ed aziendale di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA.(ix) Mancata notifica a EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA da parte del Cliente dell’esistenza di procedimenti legali in corso. (x) Mancato pagamento delle fatture a BUREAU VERITAS ITALIA SPA ed alla EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA, relative a ciascuna singola sorveglianza. (xi) Espressa richiesta del Cliente.

La durata della sospensione non può essere superiore a mesi sei e non modifica il periodo di validità del contratto. La certificazione può essere ritirata da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA al ricorrere di anche soltanto una delle seguenti condizioni: (i) nel caso in cui, terminato il periodo di sospensione, le circostanze che l’avevano determinata non siano state rimosse e nonostante la formale diffida comunicata per iscritto da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA al Cliente con assegnazione al Cliente di un congruo termine per porre rimedio alla situazione che ha determinato la sospensione della certificazione; (ii) se la gravità del comportamento del Cliente, suffragata da evidenze oggettive inconfutabili, renda necessario tutelare l’immagine di EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA per mezzo di provvedimenti di urgenza che siano oggetto di un ricorso all’autorità giudiziaria; (iii) qualora persistano le condizioni di sospensione del certificato di cui al punto (x).

La certificazione rilasciata da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA può essere annullata da EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA nel caso in cui il Cliente richieda a EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA di recedere dal rapporto contrattuale instaurato con BUREAU VERITAS ITALIA SPA mediante raccomandata R/R.

Torna su

 

8. SEMPLIFICAZIONE DELLA PROCEDURA

Nel caso l’Organizzazione sia in possesso di certificazioni accreditate dei sistemi di gestione per la qualità, l’ambiente e la responsabilità sociale, o dia evidenza di aver attivato l’iter di certificazione, la verifica dei requisiti di sistema di gestione da parte della CASA SAVOIA risulta di fatto semplificata ed è oggetto di campionamento estremamente ridotto.

Torna su

 

9. UTILIZZO DEL LOGO E DICITURE

A seguito di emissione del certificato e per tutto il tempo in cui esso è valido, è concesso al cliente l’uso del marchio di rilasciato dalla EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA, nel rispetto delle indicazioni fornite in accompagnamento allo stesso.

L’uso della certificazione da parte delle organizzazioni intestatarie dovrà essere limitato agli obiettivi che il sistema si è posto ed ai prodotti coinvolti nell’attività di certificazione. L’impiego che le aziende certificate potranno fare della certificazione ottenuta, a fini promozionali e commerciali, deve essere congruente rispetto allo scopo di certificazione.

L’uso della certificazione non deve indurre in errore il cliente con dichiarazioni che esaltino proprietà o caratteristiche del prodotto non direttamente correlate agli obiettivi del sistema e della finalità etica.

Torna su

 

 

Copyright © 2015 - 2017 Eccellenza Italiana (rel 0.0.0.3 beta) | Designed & Powered by Sesamo Software